Pagine
Home Enzo Bianchi don Claudio Doglio Luciano Manicardi Qiqajon Mail

mercoledì 29 ottobre 2014

Solennità di Tutti i Santi




Enzo Bianchi 1 novembre - Tutti i santi


1 novembre
Tutti i santi
Commento al Vangelo di ENZO BIANCHI
dal sito del Monastero di Bose

In questi ultimi decenni sono stati proclamati tanti santi e beati: mai c’è stata nella chiesa una stagione così ricca di canonizzazioni, segno anche di un’estesa “cattolicità” raggiunta dalla testimonianza cristiana. Eppure molti, all’interno e attorno alla chiesa, hanno la sensazione di non conoscere dei santi “vicini”, di non riuscire a discernere “l’amico di Dio” – questa la stupenda definizione patristica del santo – nella persona della porta accanto, nel cristiano quotidiano. Questo forse è dovuto anche al fatto che viviamo in una cultura in cui si privilegia l’apparire, un mondo in cui – come ha detto qualcuno – “anche la santità si misura in pollici”: molti allora cercano non il discepolo del Signore, ma l’ecclesiastico di successo, l’efficace trascinatore di folle, l’opinion leader capace di parole sociologiche, politiche, economiche, etiche, la star mediatica cui si chiede una parola a basso prezzo su qualsiasi evento, facendolo apparire il più eloquente a prescindere dalla consistenza della sua sequela del Signore.

Lectio Divina 2 novembre 2014


  1. Abbazia di Pulsano
  2. Associazione il Filo
  3. Clarisse Sant'Agata
  4. Comunità Kairòs
  5. Giuseppe Bellia

Articoli correlati1. Commenti Vangelo 2 novembre 20142. Bianchi Bruni Manicardi 2 novembre 20143. Omelie 26 ottobre 2014 XXX Tempo Ordinario

Enzo Bianchi 2 novembre - Memoria dei morti



2 novembre 
Memoria dei morti 
Commento al Vangelo di ENZO BIANCHI
dal sito del Monastero di Bose

Con questa memoria, siamo al cuore dell’autunno: gli alberi si spogliano delle foglie, le nebbie mattutine indugiano a dissolversi, il giorno si accorcia e la luce perde la sua intensità. Eppure ci sono lembi di terra, i cimiteri, che paiono prati primaverili in fiore, animati nella penombra da un crepitare di lucciole. Sì, perché da secoli gli abitanti delle nostre terre, finita la stagione dei frutti, seminato il grano destinato a rinascere in primavera, hanno voluto che in questi primi giorni di novembre si ricordassero i morti.

lunedì 27 ottobre 2014

Commenti Vangelo 2 novembre 2014


  1. Claudio Doglio
  2. Domenicane di Pratovecchio
  3. Fabio Rosini
  4. Fernando Armellini
  5. Monastero Dumenza
  6. Commenti vari su Qumran2.net

Articoli correlati1. Lectio Divina 2 novembre 20142. Bianchi Bruni Manicardi 2 novembre 2014 3. Omelie 26 ottobre 2014 XXX Tempo Ordinario

Giancarlo Bruni Il Padre Nostro



Prima Parte 
Taggia (IM) Ottobre 2010 
Giancarlo Bruni (1938) appartiene all'Ordine dei Servi di Maria e nello stesso tempo è monaco della Comunità di Bose.

Segnali di fumo: Bellezza e crisi della comunicazione


Segnali di Fumo 



Ciclo di incontri organizzato dalla Comunità Pastorale Beata Vergine del Rosario di Vimercate e Burago 

 


Venerdì 10 Ottobre 2014

Ho navigato sulla barca del sole

Venerdì 17 Ottobre 2014

Elogio dell'amore imperfetto


Venerdì 24 Ottobre 2014

Fermare la libertà?

sabato 25 ottobre 2014

La strage di Farneta, Contemplazione e martirio


Nel recente libro La strage di Farneta, Contemplazione e martirio, Luigi Accattoli narra la vicenda, finora quasi sconosciuta, dei dodici monaci della Certosa di Farneta (Lucca) fucilati dai nazisti nel 1944. L'Autore presenta il suo lavoro editoriale nella Certosa di Calci, dove avevano vissuto tre dei certosini “martiri”

La strage di Farneta, Contemplazione e martirio, 
presentazione del volume di Luigi Accattoli

Sabato 25 ottobre 2014, ore 9.30 

CERTOSA DI CALCI (Pisa), VALGRAZIOSA di CALCI 

Sala del REFETTORIO 

Enzo Bianchi La stagione dei morti


Il capitolo sulla stagione dei morti tratto dal libro del priore del monastero di Bose Enzo Bianchi Ogni cosa alla sua stagione letto da Remo Girone.

Giancarlo Bruni "Pellegrini in cerca di senso"



GIANCARLO BRUNI
COMUNITA' DI BOSE
L’uomo è un viandante sempre alla ricerca di frammenti di senso, in particolare oggi che è collocato in una società pluralista e in un tempo di crisi. “Uomo, dove sei in rapporto a Dio, in rapporto all’uomo, in rapporto al creato, in rapporto alla morte e in rapporto a te stesso?”: nel rispondere a tali domande, l’autore ci conduce in un viaggio verso la scoperta della verità che abita ognuno di noi, nella ricerca di una strada per giungere alla nostra piena umanizzazione.